«Così costruiamo valore tra le nuvole, insieme al canale», il caso Citrix - TechCompany360
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

VIDEO

«Così costruiamo valore tra le nuvole, insieme al canale», il caso Citrix



Thomas Giudici, Distribution Manager Southern Europe, Israel and SEE, Citrix, evidenzia come le nuvole possano essere un approdo sicuro per partner e clienti. Un confronto serrato, nel corso del recente #ArrowCBD16, evento dedicato proprio al cloud da un distributore a valore come Arrow ECS Italy.

Gianluigi Torchiani

02 Nov 2016


La rivoluzione del cloud non ha cambiato sostanzialmente il lavoro di un importante player come Citrix, come ha raccontato nel corso del recente Arrow Cloud Business Day Thomas Giudici, Distribution manager Southern Europe, Israel and See di Citrix: «Il principio su cui da sempre si basa Citrix è sempre stato quello di poter dare un servizio di questo tipo. XenApp e XenDesktop sono nate come piattaforma per poter virtualizzare il desktop e remotizzare le applicazioni originariamente attraverso la rete aziendale. Successivamente, con l’evoluzione dell’IT e l’avvento del cloud, è stato possibile migrare questo tipo di servizio in maniera molto semplice, rendendo disponibile via cloud l’utilizzo di applicazioni e il desktop virtuale degli utenti. Per noi, insomma, questo passaggio è stata una cosa molto semplice: l’arrivo della piattaforma NetScaler non ha poi fatto altro che accelerare questo passaggio, aumentando la copertura di prodotti e servizi di Citrix dal lato cloud, in modo da migliorare quanto più possibile la connettività tra l’utente e l’infrastruttura».

L’avvento della nuvola non mette poi in secondo piano il lavoro dei rivenditori: «Spesso il canale vede il cloud come un avversario: invece noi siamo fortunati. I partner coprono l’80% dei nostri clienti, il restante 20% sono aziende molto importanti che si possono appoggiare ai grandi provider cloud. Quell’80% è costituito da imprese che hanno fiducia in loro in quanto partner tecnologici. Il grande cambiamento che abbiamo visto è che i partner oggi non sono più dei semplici box mover ma, ad esempio, sono in grado di affittare una parte di data center per erogare servizi cloud, diventando essi stessi cloud provider. Altri ancora, invece, aiutano i clienti a scegliere la migliore soluzione cloud, agendo in maniera consulenziale», evidenzia Giudici. Secondo cui la nuvola è dunque ricca di opportunità per l’ecosistema Citrix.