Cloud e IOT nel cuore di Intel. Intel nel cuore di Cloud e IOT - TechCompany360
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Strategie

Cloud e IOT nel cuore di Intel. Intel nel cuore di Cloud e IOT



Al proprio Summit annuale il nuovo country manager pone l’accento sulle tecnologie innovative su cui ci si attende un’accelerazione nei prossimi mesi. Senza tralasciare i partner tradizionali dei device, ora il focus è (anche) sulle startup

Gianluigi Torchiani

06 Dic 2016


Maurizio Riva, Country Manager di Intel Italia

Famiglia allargata per Intel, che alla fedeltà per i propri partner tecnologici, dediti ai pc, nei vari form factor, device mobili e innovativi, oggi affianca la nuova, travolgente passione per l’IOT e il Cloud, per i cui protagonisti il vendor riserva particolare attenzione, grandi o piccoli, internazionali o locali che siano. L’evento che ne ha reso evidente l’interesse è quello annuale, ormai tradizionale, in cui Intel raccoglie partner, clienti e stampa per illustrare il percorso che intende intraprendere nei prossimi mesi. Quell’Intel Summit 2016 che quest’anno porta con sé anche la novità del cambio alla guida della filiale italiana, con Maurizio Riva che si è presentato al pubblico in qualità di country manager Italia. Un interesse verso le tecnologie innovative del cloud e dell’IOT corroborate anche dalle indicazioni di Fabio Rizzotto, Research Director per l’area IT in IDC Italia, che ha dipinto il 2017 che ci attende come «un anno promettente, con il 40% delle aziende che confida nel fatto che la trasformazione avrà un impatto dirompente nel proprio settore entro il prossimo anno. E tutti saremo parte del cambiamento, individui, piccole e grandi imprese e canale, un percorso avviato che porterà entro il 2020 ben il 50% delle aziende globali a orientare il proprio business nella produzione di soluzioni digital enhanced, ossia prodotti che aumentano le nostre potenzialità grazie all’ausilio della tecnologia.

E digital enhanced non sono solo i prodotti, ma possono essere anche i business model o, più in generale, un’idea. I key driver che spingono verso una tale trasformazione sono vari: per il 63% la crescita, per il 50% l’efficienza organizzativa, per il 42% la customer experience e per il 36% invece è la necessità di contrastare nuovi competitor». Una Digital Transformation che in Italia si basa per il 70% sul Cloud e per il 57% sull’IOT, per il 74% coinvolge le tecnologie mobile e per il 74% tocca gli aspetti di cybersecurity. «I processi diventano “cloudizzati” e “IOTizzati” – neologizza Rizzotto -, abilitati, cioè, da questi nuovi paradigmi, e ogni azienda finirà per essere contaminata dalle tecnologie, ma anche dall’intero ecosistema digitale, in un circolo virtuoso di fonti di innovazione. L’innovazione, in definitiva, si trasforma in fonte di valore, che viene restituito al management, portando le aziende stesse a giocare un ruolo attivo nell’ecosistema della trasformazione».

IOT e Cloud intesi, quindi, come ingredienti acceleratori di innovazione, e Intel ha deciso di farli entrare a far parte di diritto nei propri piani strategici per il 2017. «Connettendo oggetti e persone con il data center e il cloud, si assegna all’IOT e al cloud stesso il titolo di abilitatori della crescita, con un’intelligenza diffusa che è rappresentata da tutti gli oggetti connessi – interviene Maurizio Riva, neo-country manager di Intel Italia -. La nostra vision è ampia, e considera che quando un oggetto, dal server agli indossabili, è connesso, si porta l’IOT a essere ovunque, coinvolgendo o abilitando le smart city, connettendo produzione industria ed energia; il Retail, nella gestione scaffali, promo, POS; lo Smart Home, con la gestione degli elettrodomestici, l’intrattenimento e la sicurezza o, ancora, lo Smart Building con i sistemi di climatizzazione. Si aprono grandissime opportunità e scenari, ma bisogna invertire i flussi di produttività, e iniziare a creare tecnologia dall’Europa e/o direttamente dall’Italia».

Una tesi che Intel avvalora portando sul palco testimonial di piccole, giovani, startup, locali, ricche di idee, che si possono mettere tranquillamente a confronto con colossi come Microsoft, chiamata a illustrare le potenzialità della trasformazione abilitata dal cloud, su cui sta orientando gran parte dei propri investimenti o con un’azienda come Aruba, che sta portando le proprie esperienze di servizi consumer sul mondo business, con il coinvolgimento del canale. Spazio, quindi, anche a Seco, chiamata a illustrare il progetto UDOO, una famiglia di prodotti open-hardware basati sull’IOT per la prototipazione rapida, oppure Texa, che in ambito IOT si muove con il progetto Texa CARe per il monitoring a distanza delle auto e conseguente attivazione di soccorsi.

«Nulla toglie al nostro interesse verso i partner storici e tradizionali che costituiscono il nostro core business, presenti, tra l’altro, oggi al nostro Summit annuale – avverte Riva -, ossia quei vendor di device, sia nazionali sia internazionali, con cui continuiamo a sviluppare insieme tecnologie per migliorare la user experience degli utilizzatori. Ma quest’anno abbiamo proprio voluto mettere l’accento sulle altre potenzialità che le nostre tecnologie possono sviluppare e sulle quali la creatività italiana può avere un peso importante, indipendentemente dalle dimensioni del partner. Un’area, quella dell’innovazione in tali nuovi settori, che coinvolge 18 Paesi worldwide, tra cui, appunto, l’Italia, nella quale, a livello locale lavora un team di 12 persone, in costante crescita. Proprio con l’obiettivo di creare soluzioni italiane. Eccellenze che contribuiscano all’innovazione nei settori emergenti».