Engineering: i termini dell’acquisizione di Be Shaping The Future

Acquisizioni

Engineering, firmato l’accordo per l’acquisizione di Be Shaping The Future



L’expertise di Be nella consulenza digitale per l’industria dei servizi finanziari e il parterre di clienti completano l’offerta di Engineering, che diventa un’azienda di riferimento nella trasformazione digitale del settore banking e finance in Italia e in Europa 

di Redazione

23 Giu 2022


Qualche giorno fa, Engineering, unitamente alle società direttamente e indirettamente controllanti la stessa e facenti capo ai fondi di private equity gestiti da Bain Capital Private Equity (Europe) e ai fondi NB Renaissance Partners, ha sottoscritto gli accordi definitivi e vincolanti relativi all’acquisto di 58.287.622 azioni ordinarie (43,2% del capitale sociale) di una eccellenza italiana per il mercato finance Be Shaping the Future (ovvero del 45,630% del capitale sociale fully diluted delle azioni proprie), al prezzo unitario di 3,45 euro per azione. 

Maximo Ibarra, Ceo di Engineering, commenta: “Grazie al supporto dei nostri azionisti, Bain Capital ed NB Renaissance, l’integrazione con Be ci permetterà di consolidare il ruolo di Engineering come Digital Champion e di offrire al nostro Paese e al mercato un player ancor più solido nella consulenza e nei servizi di digital transformation per le Istituzioni finanziarie”.

 

Con Be, Engineering si consolida come digital enabler 

All’avveramento delle condizioni regolatorie e di legge, entro e non oltre il termine del 31 dicembre 2022, le parti fanno sapere che procederanno al perfezionamento dell’operazione. Il Gruppo Be entrerà a far parte del gruppo Engineering nel quadro di un progetto sinergico e complementare finalizzato alla realizzazione di un’azienda all’avanguardia in Italia nel settore dei servizi finanziari, operativa nel mercato europeo e internazionale.

WEBINAR
5 best practice per un cloud journey di successo!

L’acquisizione di Be consoliderà il ruolo di Engineering come digital enabler strategico, integrando l’offering e le competenze nel mercato financial institutions di entrambe le realtà, che continueranno a mantenere un elevato livello di autonomia e una posizione di mercato differenziata e specializzata, orientata a fornire servizi di management consulting connessi ai più moderni processi di Digital Transformation, nonché di soluzioni e competenze distintive grazie ad alleanze ed accordi con primari solution vendors internazionali.  

“La forte expertise nella consulenza digitale IT per l’industria dei servizi finanziari e il parterre di clienti di Be completano l’offerta, la presenza commerciale e il presidio delle tecnologie digitali di Engineering, che diventa così l’azienda leader nella trasformazione digitale del settore banking e finance in Italia e uno dei player di riferimento in Europa” dichiara Fabio Cané, Senior Partner di NB Renaissance.

 

Un player italiano di riferimento nei servizi Fintech

Il Gruppo Be continuerà a essere guidato da Stefano Achermann affiancato dagli attuali key managers e resterà focalizzato nei servizi ai principali istituti finanziari a rilevanza sistemica (SIFI), alle banche Tier 1 e ai maggiori circuiti di pagamento internazionali, completando e supportando le proposizioni di valore del gruppo Engineering nel mercato financial institutions. 

“Siamo rimasti impressionati dai risultati e dalla crescita che Stefano Achermann e il suo team hanno ottenuto in maniera consistente nel corso degli anni e siamo entusiasti – afferma Giovanni Camera, Principal di Bain Capital Private Equity – di poter accogliere Be a far parte del Gruppo Engineering, sicuri che la combinazione delle rispettive offerte e competenze complementari aprirà ulteriori opportunità di mercato e sinergie di ricavo in Italia e all’estero”.