Acquisizioni

Con SmartOperations, Digital360 potenzia la practice dedicata all’Industria 4.0



“Con questa acquisizione rafforziamo le nostre competenze in un settore in grande espansione, come quello dei Big Data e Analytics nel mondo Operations, rafforzando in maniera sostanziale la crescita organica degli ultimi anni” commenta Gabriele Faggioli, CEO di Digital360

di Redazione

Pubblicato il 30 Nov 2022


Gabriele Faggioli, Ceo di Digital360

Una nuova acquisizione per Digital360 S.p.A., PMI innovativa quotata sul mercato Euronext Growth Milan che ha appena concluso l’acquisizione del 51% delle società Meridiana Italia S.r.l., società specializzata in soluzioni e progetti innovativi per la Pubblica Amministrazione, e Inside Comunicazione S.r.l., agenzia di comunicazione che progetta soluzioni digitali a supporto del marketing B2B (MarTech).

Questa volta la notizia riguarda l’acquisizione del 100% delle quote di SmartOperations S.r.l, una società di advisory che, utilizzando la Data Science as a Service (DSaaS), sviluppa soluzioni tecniche, tra cui algoritmi e prototipi, per supportare i clienti nel cammino verso l’innovazione, l’Industria 4.0 ed in generale la trasformazione digitale.

 

“Con questa acquisizione – afferma Gabriele Faggioli, CEO di Digital360 – rafforziamo le nostre competenze in un settore in grande espansione, quello dei Big Data e dello sviluppo di analytics nel mondo operations, che verranno messe a fattor comune anche per altri comparti strategici, come la sanità. Inoltre, incrementiamo il team dedicato alle operations, che si rivolge a un settore in pieno sviluppo come l’industria 4.0, rafforzando in maniera sostanziale la crescita organica degli ultimi anni”.

SmartOperations confluisce in Digital360

L’operazione va nella direzione di potenziare la practice dedicata all’Industria 4.0 già esistente all’interno della business unit di Digital360 dedicata all’Advisory, attraverso l’acquisizione di un forte know how disponibile grazie a un team altamente specializzato nei temi in oggetto, che vanta uno stretto legame con il dipartimento di ingegneria industriale dell’Università degli Studi di Firenze ed è già ben radicato nel tessuto produttivo del centro Italia.

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
Integrazione applicativa

 

SmartOperations ha chiuso il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2021 con un valore della produzione di oltre 300 mila euro (in crescita di oltre il 60% sull’esercizio 2020), un Ebitda positivo per circa 50 mila euro e una posizione finanziaria netta (PFN) creditoria per circa 175 mila euro.

 

I termini dell’acquisizione

L’acquisizione del 100% delle quote di SmartOperations avverrà a un prezzo di 371 mila euro, comprensivi della PFN, che saranno corrisposti per 35 mila euro in azioni Digital360, valorizzate al prezzo di 4,70€ ciascuna e per la restante quota in denaro. A ciò potrà aggiungersi una componente di earn out – pari a massimi 167 mila euro – basata sul raggiungimento di determinati risultati economici negli esercizi 2023-2024.

L’accordo tra le parti prevede, tra le altre pattuizioni, un coinvolgimento attivo degli attuali soci venditori nella gestione futura di SmartOperations. È stato inoltre pattuito con i venditori un impegno di lock-up, della durata di 2,5 anni, sulle azioni ricevute in pagamento del prezzo, e previsto un obbligo di non concorrenza per un periodo di tre anni dal closing.

 

“SmartOperations entra in Digital360 fortemente convinta del valore del suo know-how ed entusiasta di questa operazione che consentirà al gruppo di giovani consulenti e scienziati dei dati, operanti su vari progetti innovativi, di trovare nell’organizzazione quell’insieme di competenze necessarie per affrontare in modo adeguato le sfide dell’innovazione in un mercato sempre più complesso ed esigente – affermano Andrea Navicelli e Cosimo Barbieri, amministratori di SmartOperations – ; abbiamo fin da subito mostrato apprezzamento per questa operazione caldeggiata nei confronti degli altri soci – universitari e non – e dei dipendenti della società”.