Google pensa a Pixel 3, il suo primo notebook con Andromeda OS - TechCompany360
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Portatili del futuro

Google pensa a Pixel 3, il suo primo notebook con Andromeda OS



Arriverà nel terzo trimestre del 2017 il nuovo sistema operativo di Big G, un ibrido tra Android e Chrome OS

Paolo Longo

28 Set 2016


Il 4 ottobre Google terrà un evento negli States per presentare al mondo i nuovi Pixel e Pixel XL, due smartphone che andranno a sostituire la gamma Nexus. Se conosciamo davvero poco dei dispositivi, se non che monteranno la versione più recente di Android 7.0 Nougat, è un’altra notizia a scuotere le fondamenta del mondo hi-tech: Pixel 3. Non si tratta del famigerato tablet costruito con Huawei che pare destinato a solcare il paclo statunitense, ma del primo portatile dotato di Andromeda OS, il sistema operativo casalingo che, nei piani di Big G, dovrebbe rappresentare una sorta di ibrido tra Android e Chrome OS. Noto internamento come “Bison”, secondo alcune fonti il progetto non andrà a sostituire la famiglia dei Chromebook, pensati per un uso più basilare ma potrebbe dar vita a una serie di notebook a sé, pronti magari a concorrente con Apple e gli altri big del settore, come HP.

Come è fatto

Le prime notizie parlano di uno scherno da 12.3 pollici, anche touch e capace di essere gestito alla stregua di un tablet Android. Non è chiaro se la tastiera sarà a scomparsa, estraibile o rotante di 360 gradi, ma il 2-in-1 che ha in mente Google ha il compito di rivoluzionare del regole del gioco, un po’ come fatto da Lenovo con il recente Yoga Book. Per il processore il più probabile candidato è un Intel m3 o, in alternativa, i5 affiancato da 8 o 16 GB di RAM e fino a 128 GB di storage a disposizione dell’utente (al netto dell’installazione dell’OS). Poche soprese per la presenza di un connettore USB di Tipo-C, jack audio e speaker stereo. Sarà invece interessante capire quanta autonomia avrà il Pixel 3, certo non potrà scendere sotto le 7/8 ore dei rivali. Pronti a vederlo concretamente? Purtroppo ci sarà da aspettare parecchio: le fonti interpellate dai media internazionali dicono che il notebook non si paleserà prima del terzo trimestre del prossimo anno, cioè almeno 12 mesi…

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Google pensa a Pixel 3, il suo primo notebook con Andromeda OS

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *