Atlantis, l'iperconvergenza è a misura di SMB - TechCompany360
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Video

Atlantis, l’iperconvergenza è a misura di SMB



Il vendor americano di soluzioni software defined storage, distribuito in Italia da Systematika, punta sui partner per proseguire la sua crescita sul mercato europeo

Gianluigi Torchiani

30 Giu 2016


Il mercato italiano ed europeo è un obiettivo importante per Atlantis, società specializzata nelle soluzioni di ottimizzazione dello storage per data center e VDI (virtual desktop infrastructure). Lo ha raccontato Ruben Spruijt, Chief Technology Officer di Atlantis, recentemente intervenuto in un appuntamento organizzato dal distributor Systematika. «Atlantis computing è una società che si occupa di storage, con sede in California, a Mountain View. Siamo nati nel 2006 in ambito VDI (dove abbiamo una nutrita base di clienti soddisfatti) e poi siamo passati a occuparci anche dei workload per data center. Oggi siamo propriamente una storage software company. Che si trova a competere in un mercato dove ci sono molti concorrenti. Se guardiamo ai nomi storici, come HP, Dell ed Emc, la principale differenza è che noi creiamo una piattaforma storage distribuita, che possiamo ottimizzare dal punto di vista delle performance e delle capacità. Questo permette di diminuire i costi e aumentare le performance e dare maggiore flessibilità ai nostri clienti finali».

Una formula che riguarda diversi interlocutori: «Quando abbiamo cominciato i nostri prodotti si rivolgevano soprattutto al mondo enterprise. Quando, invece, un anno fa, abbiamo lanciato Hyperscale l’obiettivo era proprio quello di rendere l’iperconvergenza semplice anche per il mercato SMB. Le nostre soluzioni, sia per quanto riguarda il software defined storage che le infrastructure appliance, sono quindi appetibili sia per il mercato SMB che per quello enterprise. Ma anche per il mondo large enterprise». Soluzioni che, tra l’altro, hanno uno stretto legame con il mondo VMware: «Vmware è per noi un partner importante – conferma Spruijt – . Moltissimi consumatori nel mondo si affidano a VMware e spesso queste soluzioni sono un asset fondamentale nei loro data center. In buona sostanza abbiamo costruito la nostra tecnologia sulle loro fondamenta».

 

 

L’attenzione del vendor americano ora è concentrata sul mercato europeo: «Il mercato Italiano ed europeo è cruciale per noi, siamo forti nell’area Emea e stiamo pian piano crescendo anche nel Paesi dell’Europa meridionale, come Italia, Francia e Spagna, che sono dei Paesi fondamentali per noi. Siamo molto contenti del lavoro che facciamo con i nostri partner e distributori in queste aree. Il nostro business infatti sta crescendo e per noi sicuramente questa è un’ottima cosa. In Italia la relazione con il nostro distributore Systematika è molto forte, loro sono molto bravi nel permetterci di raggiungere nuovi clienti e fare il nostro brand ancora più forte. Senza partner d’altronde non potremmo operare». In definitiva, perché un reseller dovrebbe affidarsi ad Atlantis? «Le nostre soluzioni sono molto sfidanti nei moderni datacenter e workspace. Il nostro prodotto è conveniente da un punto di vista dei costi, è competitivo, assicurando così grandi performance agli utenti finali», conclude Il CTO.