Da Wildix il primo telefono fisso con Android - TechCompany360

Telefonia

Da Wildix il primo telefono fisso con Android



L’azienda ha presentato WP600ACG, modello WebRTC che supporta la videoconferenza

Paolo Longo

27 Gen 2016


Chi lo ha detto che solo la telefonia mobile è capace di rinnovarsi e rivoluzionare il mondo delle comunicazioni? Il vecchio telefono, almeno come concetto, non è da meno e a dimostrarlo c’ha pensato Wildix. L’azienda trentina ha svelato alla sua recente convention annuale, a cui prendono parte i principali business partner, il telefono da ufficio WP600ACG con tecnologia WebRTC e sistema operativo Android. La svolta “intelligente” del dispositivo fisso non è per nulla banale e rappresenta la naturale evoluzione di uno strumento che è ancora molto utilizzato in ambienti professionali, di qualsiasi dimensione. Nello specifico l’ultimo arrivato in casa Wildix ha uno schermo touch da 7 pollici e interfaccia Wildix Collaboration Mobile, che mostra lo stato di presence dei colleghi (locali e remoti) e le rubriche condivise, oltre a numerose funzionalità di Unfield Communications.

Le specifiche tecniche

A livello hardware Wildix WP600ACG ha un display con risoluzione da 1204 x 600 pixel, una webcam da 2 megapixel, audio HD wideband, Wi-Fi 802.11b/g/h, Bluetooth, USB 2.0, dialpad e stand multiposizione. La caratteristica interessante è il supporto per applicazioni di terze parti, quindi chiunque decida di sviluppare una propria app per la produttività potrà farlo e dedicare uno spazio virtuale dedicato agli utenti che usano il telefono. Pensiamo all’accesso a documenti di ufficio, server o all’integrazione di software aziendali. Non a caso il portale di Wildix ha una sezione dedicata all’app store, si tratta di tutte le soluzioni compatibili con i sistemi prodotti dall’azienda trentina e in grado di interfacciarsi senza difficoltà con i dispositivi supportati. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito ufficiale. 

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Da Wildix il primo telefono fisso con Android

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Raffaele Imperio says: 24 Gennaio 2018 @ 13:03

    Non è propio il primo. C’è un Gigaset e un Panasonic piuttosto datati. Stranamente è il costo che rimane elevato e non ne permette una facile diffusione. Ed è strano, perchè ormai il bluetooth lo danno omaggio e il telefono fisso non ha la parte radio, quindi, come materiali, costa meno di un cellulare.