Operazioni M&A

Targa Telematics acquisisce Viasat Group, dando vita a un nuovo protagonista europeo in ambito IoT e smart mobility



Dopo l’annuncio dell’unione di due realtà italiane leader nelle tecnologie connesse in ambito automotive, si apre la strada a un soggetto industriale con una forte presenza in Europa e le potenzialità per competere sui mercati globali. A testimonianza che le operazioni M&A possono essere un’occasione per le tech company

Carmelo Greco

Pubblicato il 16 Mar 2023


Il recente annuncio, avvenuto a fine febbraio, dell’acquisizione di Viasat Group da parte di Targa Telematics, è l’ennesima dimostrazione di come le operazioni di fusione e acquisizione (M&A) siano oggi un driver fondamentale per l’espansione delle tech company italiane. Nel caso specifico, l’accordo vincolante prevede l’ingresso di Targa Telematics nel 100% del capitale sociale di Viasat Group entro il primo semestre del 2023, fatto salvo l’avveramento di alcune condizioni sospensive, tra cui le autorizzazioni Golden Power in Italia e Spagna e l’approvazione da parte dell’Autorità Antitrust. Entrambi i soggetti dell’accordo sono specializzati nello sviluppo di tecnologie Internet of Things (IoT).

In particolare, Targa Telematics è una società IT con quartier generale a Treviso e con oltre 20 anni di esperienza nei veicoli connessi. Offre soluzioni tecnologiche di telematica, smart mobility e piattaforme IoT rivolte soprattutto ad aziende di noleggio a breve e lungo termine, società finanziarie e grandi flotte. Nel 2022 ha registrato un giro d’affari di 56 milioni di euro, con 160 dipendenti e più di 950 clienti. Viasat Group, la cui sede centrale è a Venaria Reale, in provincia di Torino, opera nel settore automotive attraverso la fornitura di servizi e soluzioni satellitari per la sicurezza e la protezione di persone, mezzi e merci. Con un numero di dipendenti che si aggira attorno agli 860, nel 2021 ha dichiarato ricavi per 76 milioni di euro.

Nasce un nuovo player nell’IoT e nella smart mobility

L’unione delle due società segna la nascita di uno dei principali player globali in ambito IoT e smart mobility, con una presenza consolidato in 8 paesi europei, più un’ulteriore presenza in Cile. Oltre che in Italia, la nuova realtà può contare su sedi in Portogallo, Spagna, Francia, Inghilterra, Belgio, Polonia e Romania. Nicola De Mattia, CEO di Targa Telematics, si è detto entusiasta nel “dare il benvenuto a una società prestigiosa come Viasat Group, esempio di imprenditorialità virtuosa, che ci permette di fare un salto importante in termini di dimensioni, di presenza estera e di estensione del nostro presidio su alcuni segmenti chiave di mercato. Sono senza dubbio elementi cruciali per continuare a rafforzare il nostro posizionamento competitivo e offrire ai clienti un ventaglio di servizi senza precedenti in ambito smart mobility per progetti sempre più internazionali”.

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
API

Dal canto suo Domenico Petrone, Presidente e CEO di Viasat Group, ha salutato l’operazione come “un importante riconoscimento del valore costruito nel tempo e delle prospettive di crescita di Viasat Group. Il sodalizio con Targa Telematics è la strategia migliore per aprire nuovi e più ampi orizzonti di sviluppo sia per il business dell’azienda sia per le persone che con grande professionalità vi operano”.

Dallo scorporo di Viasat, la costituzione di Elem Group

Dal perimetro dell’operazione sono rimaste escluse le attività di progettazione e produzione elettronica, hardware e di sviluppo software legate al waste management. In seguito allo scorporo di Viasat Group, è stata costituita Elem Group, new holding industriale controllata dalla Exefin della famiglia Petrone che mira allo sviluppo delle attività di progettazione e produzione hardware, software e piattaforme telematiche per data ingestion e waste management. Attività che rappresentano attualmente il core business delle società controllate VEM Solutions e Greenext Technologies (Italia), Icom ODD (Bulgaria), Minipuls (Bulgaria) e BluTech (Cina). Anche in questo caso, il perfezionamento dell’operazione dovrebbe avvenire entro il primo semestre del 2023. Di fatto, si tratta di una sorta di ritorno alle origini, a quel 1974 quando Domenico Petrone fondò la Elem da cui sono nate poi VEM Solutions e Viasat Group.

Da realtà specializzata nella produzione di sistemi elettronici per i mercati automotive, sport car racing, ICT, industriale, telecomunicazioni, difesa e aerospaziale, Elem poi si è concentrata nella progettazione e produzione di soluzioni telematiche per l’automotive tramite tecnologie di localizzazione satellitare. Negli anni più recenti, allo storico stabilimento di Venaria Reale, si sono aggiunti quelli delle società Minipuls in Bulgaria e BluTech in Cina, entrambe controllate da VEM Solutions, e una partnership produttiva con la Nextplast in Tunisia. L’acquisizione di Viasat Group da parte di Targa Telematics, con la conseguente costituzione della new holding Elem Group, non esclude nel breve-medio periodo altre operazioni di M&A per aprire il capitale di Elem Group o delle singole società controllate a nuovi investitori. L’obiettivo è quello di incrementare il posizionamento strategico, sfruttando il know-how maturato in 50 anni di attività, anche alla luce dei cambiamenti innescati da pandemia, guerra in Ucraina e crisi energetica.

Cambiamenti che impongono scelte sempre più nette in direzione di una maggiore autonomia tecnologica dell’Europa.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Targa Telematics acquisisce Viasat Group, dando vita a un nuovo protagonista europeo in ambito IoT e smart mobility

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.