Xiaomi: dalla Cina all'Italia, passando per la GDO - TechCompany360

Smartphone

Xiaomi: dalla Cina all’Italia, passando per la GDO



Il marchio orientale approda nel nostro paese tramite le grandi catene online e fisiche ma con la “fregatura” del sovraprezzo

Paolo Longo

04 Dic 2017


A livello globale Xiaomi, ancora più di OnePlus, è probabilmente il marchio che meglio incarna il binomio qualità-prezzo. A qualche centinaia di dollari ci si porta a casa oggetti dal design spesso futuristico e con specifiche tecniche all’avanguardia, simili a quelle dei top di gamma famosi in Occidente.La domanda che fino a qualche mese fa tutti si ponevano era: perché Xiaomi non vende anche in Europa?

 

Una risposta certa non c’era ma forse tutto dipendeva dalla volontà di costruire una strategia di business ben precisa e che rispondesse ai rigidi dettami del mercato mobile nel vecchio continente. Tra un’indiscrezione e l’altra, Xiaomi ha ufficializzato il suo sbarco anche da noi, precedendo le tempistiche che parlavano di un gennaio inoltrato, forse anche più in là.

E invece no, già Amazon.it ospita gli smartphone del gruppo e diverse catene della grande distribuzione, come Carrefour, Expert, Il Gigante e Trony hanno fatto spazio in vetrina per un paio di modelli di fascia media, finora gli unici a beneficiare di una garanzia Italia (quelli di importazione non ufficiali sono problematici proprio per l’assenza di certificazione UE). Il problema è che gli attuali Redmi 4x e Note 4 negli store locali costano di più di quanto si spenderebbe su internet dagli importatori.

 

Il motivo? La necessità di tassare i telefoni per il passaggio in dogana e il plus dell’IVA che, come sappiamo, da noi è leggermente più alta che in altri. Per questo è molto probabile che quando giungeranno sugli scaffali gli smartphone di punta, prezzati anche oltre i 500 dollari, Xiaomi si piazzerà in quanto a spesa vicino a iPhone (qui tutto su iPhone X prezzi, iPhone X caratteristiche), Galaxy e Mate, con una conoscenza decisamente minore da parte dei consumatori. E a quel punto, tutti i vantaggi percepiti in patria spariranno in un solo istante.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Xiaomi: dalla Cina all’Italia, passando per la GDO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *