Dell Technologies: record di crescita per il canale italiano dei partner
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Dell Technologies Forum

Record di crescita per il canale italiano di Dell Technologies



Nell’anno fiscale 2019 il canale italiano del vendor è stato il primo per crescita tra tutte le diverse country. Il prossimo focus si chiama Networking

Gianluigi Torchiani

14 Nov 2019


Le Tech Company in Italia vivono un momento estremamente favorevole, in particolare quelle che hanno avuto la capacità di legarsi a vendor dalle caratteristiche innovative e vincenti sul mercato, come ha messo in luce la recente edizione dell’Osservatorio Tech Company del Politecnico di Milano. Un quadro che appare particolarmente corrispondente per i partner italiani di Dell Technologies, come è stato evidenziato nel corso del Dell Technologies Forum di Milano.

Adolfo Dell’Erba, Channel Senior Director Dell EMC Italia

Una relazione, quella tra le Tech Company e il colosso americano, che è relativamente recente, dal momento che soltanto 12 anni fa Michael Dell decise di affiancare un modello di vendita indiretto alla attività del suo gruppo. Nel mezzo ci sono state tantissimi passaggi, tra cui naturalmente la nascita di Dell Technologies, con il risultato finale di dare vita a una storia di successo, tanto che oggi il canale Dell fattura circa 50 miliardi di dollari l’anno sui 92 complessivi, dunque ben più della metà. Il merito, secondo Adolfo Dell’Erba, Channel Senior Director Dell EMC Italia, è anche dell’ampiezza dell’offerta di Dell Technologies, che può mettere sul piatto un’offerta che spazia dai pc ai server, passando per storage, networking e sicurezza.

Crescita per tutte le categorie di partner di Dell Technologies

Un’azienda che, nonostante gli ingenti investimenti degli ultimi anni, continua ad avere un fatturato in crescita e a presentare conti in ordine, fattore di primaria importanza per le Tech Company. I partner italiani di Dell Technologies sembrano poi giocare una partita a sé: nell’anno fiscale 2019 il canale italiano di Dell ha messo a segno una sorprendente crescita del +62% rispetto all’anno precedente, il valore più elevato tra tutte le country.

Uno sviluppo che ha interessato tutte le diverse categorie di partner, in modo particolare quelli Titanium, che hanno potuto affacciarsi a una serie di progetti di grande dimensione. Il risultato finale è che ormai dai partner passa ormai il 70% del fatturato complessivo di Dell Technologies Italia, una percentuale difficilmente immaginabile sino a pochi anni fa. Una crescita che è proseguita anche nei primi nove mesi dell’anno solare 2019, anche se a ritmi meno vertiginosi (intorno al +10%).

Networking nel mirino dei partner di Dell Technologies

Il canale italiano sembra cavarsela bene su tutte le diverse categorie di offerta di Dell Technologies, soltanto sull’area del networking Dell’Erba ha spronato i partner a crederci con maggiore convinzione «perché possiamo mettere in campo soluzioni che non hanno nulla da invidiare a quelle dei leader di mercato».

Anche sul tema dell’utilizzo dei fondi marketing erogati da Dell Technologies, il numero uno del canale di Dell ha invitato i partner a guardare alla possibilità di organizzare campagne integrate digital, senza riservare tutto ai tradizionali eventi fisici.

Partner Dell Technologies verso la specializzazione

In generale, per Dell Techologies il cambiamento del canale resta una necessità impellente: «O ci si specializza o si muore. I reseller generalisti stanno scomparendo più rapidamente di quanto ci sarebbe aspettato poco tempo. Esiste dunque la stringente necessità di portarsi in casa le giuste competenze», ha evidenziato Dell’Erba.

Secondo. invece, Filippo Ligresti, VP & General Manager Commercial Sales di Dell Technologies, «come vendor abbiamo la necessità che voi ci facciate conoscocere meglio quello che sapete fare. Mi riferisco, particolare, alle competenze per noi critiche in ambito progettuale, peculiarità che ci possono aiutare a risolvere al meglio le problematiche dei clienti».