Software

Oracle Database 23c ora gratis per gli sviluppatori



Gli sviluppatori adesso possono accedere agli strumenti di nuova generazione che alimenteranno la prossima release di Oracle Database 23c per le aziende e che semplificano lo sviluppo di applicazioni moderne e basate sui dati

di Redazione

Pubblicato il 05 Apr 2023


Juan Loaiza, executive vice president, mission-critical database technologies, Oracle

Oggi gli sviluppatori sono gli attori più importanti nei processi decisionali in ambito tecnologico. Pertanto mettere nelle loro mani nuovi strumenti con la minore difficoltà possibile è più importante che mai. Per questo Oracle ha annunciato la disponibilità di Oracle Database 23c Free-Developer Release che risponde alla richiesta da parte di sviluppatori e organizzazioni in tutto il mondo di accedere alle funzioni più innovative di Oracle Database, che semplificano lo sviluppo di applicazioni moderne e basate sui dati, per essere pronti al lancio di Oracle Database 23c, la prossima release con supporto a lungo termine (Long-Term Support Release).

dutante il suo CloudWorld Tour, sbarcato a Singapore, Oracle ha annunciato la disponibilità della versione gratuita di Oracle Database 23C per gli sviluppatori: la community mondiale dei professionisti che creano applicazioni moderne e innovative basate sui dati è dunque la prima a poter accedere agli strumenti di nuova generazione che alimenteranno la prossima release di Oracle Database 23c per le aziende. “Una scelta radicale, per Oracle”, come l’ha definita l’analista di mercato specializzato sugli sviluppatori, RedMonk, che insieme ad IDC si è già espresso positivamente su questa novità.

Oracle Database 23c Free – Developer Release offre accesso alle tecnologie database più avanzate al mondo, disponibili in modo sempre più semplice ed immediato, e unisce con funzionalità innovative tutti i mondi e le tipologie di dati, per ottenerne il meglio.  Gli sviluppatori hanno accesso a un ecosistema di enorme potenziale senza alcun ostacolo, per continuare a supportare l’innovazione data-driven delle imprese.

Questa versione dà finalmente agli sviluppatori la possibilità di provare una funzione che unifica e sincronizza i mondi relazionali e documentali. Permette agli sviluppatori e ai data engineer di accedere a formati per ogni caso d’uso senza preoccuparsi di struttura, mappatura e coerenza dei dati né dell’ottimizzazione delle prestazioni. Ora si possono anche eseguire analytics sui grafici, oltre che su dati relazionali e JSON. La JSON Relational Duality di Oracle, in particolare, è rivoluzionaria.

“Siamo felici di permettere agli sviluppatori di accedere fin da subito alle tecnologie di database più avanzate al mondo per lo sviluppo e l’esecuzione di applicazioni moderne”, ha dichiarato Juan Loaiza, executive vice president, mission-critical database technologiesOracle. “Grazie a Oracle Database 23c Free­–Developer Release, gli sviluppatori potranno aggiornare le loro competenze e iniziare a creare nuove app con funzionalità rivoluzionarie quali JSON Relational Duality, che unisce modelli di dati relazionali e documentali offrendo il meglio di entrambi, il supporto SQL per le graph query direttamente sui dati OLTP e le Stored Procedures nel linguaggio di programmazione più diffuso al mondo: JavaScript”.

Le nuove funzioni di sviluppo applicativo in arrivo su Oracle Database 23c

È possibile scaricare Oracle Database 23c Free—Developer Release come Docker Image, VirtualBox VM o file di installazione Linux RPM, senza bisogno di un account utente o di effettuare l’accesso. A breve arriverà anche una versione per Windows.

WHITEPAPER
Dark data: cosa sono e perché rappresentano un’opportunità unica per le aziende
Business Intelligence
Data Storage

Tra le novità la JSON Relational Duality che permette agli sviluppatori di creare applicazioni in paradigmi relazionali o JSON con un’unica fonte di dati e trarre vantaggio dai punti di forza sia dei modelli relazionali che dei modelli documentali, il che significa che non sono più necessari compromessi tra complesse mappature oggetto-relazionali o problemi di incoerenza dei dati.

Il codice JavaScript può essere eseguito più vicino ai dati scrivendo JavaScript Stored Procedure o caricando le librerie JavaScript esistenti su Oracle Database. Il supporto per il codice JavaScript migliora la produttività degli sviluppatori permettendo di riutilizzare le business logic esistenti  direttamente nel livello dati e di servirsi delle competenze degli sviluppatori JavaScript.

Inoltre, gli sviluppatori adesso possono verificare e convalidare le strutture di documenti JSON tramite Schemi JSON standard, consentendo un uso sicuro e affidabile del formato di dati JSON. E possono creare applicazioni property graph transazionali e analitiche con Oracle Database, utilizzando la nuova funzionalità di supporto SQL standard per le query property graph,  che consentono anche di  poter eseguire graph analitycs in aggiunta all’ utilizzo dei dati relazionali e JSON.

Ancora le applicazioni Kafka ora possono essere eseguite su Oracle Database Transactional Event Queues apportando pochissime modifiche al codice. Ciò consente di creare microservizi molto più efficaci mediante eventi transazionali che eseguono operazioni degli eventi e modifiche del database in una sola transazione “atomica”.

Il nuovo costrutto di dominio può fungere da modificatore di tipo leggero che documenta centralmente l’uso dei dati previsto, estendendo e migliorando drasticamente i dominii standard SQL. Ciò consente agli sviluppatori di comprendere meglio come vengono utilizzati i dati e di migliorarne la qualità complessiva, evitando la complessità e l’incompatibilità dei tipi di dati con uso specifico o dei tipi definiti dall’utente.

Infine, i metadati del database possono essere memorizzati direttamente insieme ai dati con il nuovo meccanismo di annotazione all’interno di Oracle Database. Gli sviluppatori possono annotare gli attributi comuni del modello dei dati per tabelle, colonne, visualizzazioni, indici e altro ancora, godendo di una funzionalità centrale, leggera e dichiarativa per registrare e scambiare le proprietà d’uso tra le applicazioni.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!