Huawei Mate 8: la recensione interattiva - TechCompany360
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Recensioni

Huawei Mate 8: la recensione interattiva



Sensore di impronte al top, schermo da 6 pollici e un’interfaccia utente che è una sorpresa. recensione mate 8, alla scoperta del top di gamma del vendor cinese

Paolo Longo

07 Mar 2016


Il Mate 8 di Huawei è stato presentato qualche mese fa ma l’arrivo in Italia è solo recente. L’occasione è dunque la migliore per metterlo sotto la lente e capire i suoi punti di forza e i (pochi) di debolezza con questa recensione di mate 8.

Lo schermo dello smartphone è da 6 pollici, diagonale che potrebbe spaventare chi si era fermato al massimo ai 4.7 dell’iPhone 6S ma niente paura: l’assenza di bordi e un corpo unibody totalmente in metallo ne preservano l’ergonomia, almeno per quanto possibie. Grande è grande, per carità, ma una volta messa la luminosità al massimo e fatto partire un video in HD non crederete ai vostri occhi. I dettagli sono curatissimi, la sensazione di robustezza e leggerezza unica, insomma altro che cineseria, questo è un telefono al top, in grado di competere con le fasce alte della concorrenza più agguerrita. Del resto lo dice anche il prezzo, oltre i 590 euro, forse troppi per un marchio che, nonostante la qualità, deve ancora conquistare del tutto il pubblico italiano (e continentale).

Le specifiche tecniche e recensione mate 8

Il huawei mate 8 ha un processore Kirin 950 octa-core, 3 GB di RAM, 32 GB di memoria interna, espandibile, schermo da 6 pollici da 1920 x 1080 pixel, fotocamera da 16 megapixel e frontale da 8 megapixel. A bordo c’è Android 6.0 Marshmallow, l’ultimo arrivato, personalizzato con interfaccia Emui 4.0, una sorta di ibrido tra iOS per l’assenza del drawler con tutte le app e Android, vista la possibilità di inserire i classici widget.

Uno dei punti forti è l’autonomia, grazie alla batteria da 4.000 mAh che supera anche i blasonati modelli di Apple e Samsung. Tra le opzioni di connettività c’è l’NFC e il mirroring a dispositivi supportati, comodo per estendere la visione di contenuti multimediali su un televisore. Difetti? Davvero pochi. Oltre al prezzo forse la fotocamera è leggermente al di sotto dei diretti concorrenti ma comunque un passo in avanti rispetto agli smartphone precedenti di Huawei. Consigliato? Si, a chiunque voglia provare qualcosa di nuovo nell’attuale panorama della telefonia mobile.