DXC e WomenHack promuovono la parità di genere nel tech

News

DXC e WomenHack promuovono la parità di genere nel tech



L’obiettivo di DXC Technology e WomenHack è sensibilizzare all’inserimento delle donne nel mondo dell’Information Technology

di Redazione

31 Gen 2020


Diversità, uguaglianza e inclusività nel mondo tech: tre temi che DXC Technology e WomenHack hanno portato sul campo durante l’evento tenutosi giovedì 30 gennaio a Roma. Un’occasione al fine di promuovere l’uguaglianza di genere in ambito Ict&Tech e aiutare le donne a entrare in contatto con aziende impegnate a favore della diversità sul posto di lavoro.

“La Diversity rappresenta per noi un valore irrinunciabile” dichiara Lorenzo Greco, Ad di DXC Italia “In uno scenario in continuo cambiamento, quello della rivoluzione digitale che stiamo contribuendo a portare avanti, l’unicità di ogni persona va considerata un essenziale punto di partenza. Al contrario, l’omologazione e i preconcetti rappresenterebbero solo un freno”.

 

WomenHack e DXC Technology insieme contro il gender gap

WomenHack è una comunità che promuove la partecipazione femminile nel mondo tech attraverso eventi, opportunità di lavoro e workshop, con l’obiettivo di creare un ambiente di lavoro più inclusivo e diversificato. Attraverso i diversity recruiting events vengono individuati, dalle rispettive comunità locali, i profili più talentuosi al fine di favorire la diversificazione nei team di lavoro.

DXC Technology è una società globale che offre servizi IT per la gestione e la modernizzazione dei sistemi mission-critical, integrandoli con nuove soluzioni digitali al fine di migliorare i risultati di business dei clienti. Come ha affermato Cristina Pipolo, Marketing & Communication Manager di DXC Technology Italia, presentando l’incontro: “DXC è impegnata nel rimuovere gli ostacoli per le donne perché l’aumento della partecipazione delle donne e dei giovani al mondo del lavoro è una priorità assoluta se vogliamo garantire la crescita sostenibile della nostra azienda e della nostra economia”.