Andrea Rangone: "Diamo forma concreta all'inclusività con nuove iniziative verso i più fragili" - TechCompany360

Iniziative

Andrea Rangone: “Diamo forma concreta all’inclusività con nuove iniziative verso i più fragili”



Il Presidente di Gruppo Digital360 anticipa una iniziativa che punta a supportare detenuti ed ex detenuti a ricostruire la loro vita anche attraverso le opportunità di lavoro. Se ne parla lunedì 20 giugno

Maria Teresa Della Mura

18 Giu 2022


Andrea Rangone, Presidente di Digital360

“Siamo profondamente convinti che il lavoro dell’imprenditore possa e debba avere un impatto importante sulla comunità. Questa convinzione ci ha portato a diventare società Benefit, ma ancor di più ci ha convinto a lavorare su due obiettivi chiari. In primis su una crescita culturale sul tema, facendo crescere la sensibilità di quanto e come il meraviglioso mondo del digitale possa sostenere e promuovere una crescita economica sostenibile e inclusiva. In secondo luogo, dare forma concreta a questa inclusività”.
Sono queste le parole con le quali Andrea Rangone, Presidente di Digital360 anticipa il senso e il significato di un nuovo impegno assunto dal Gruppo e di una call to action verso il mondo degli imprenditori, che verrà spiegata concretamente nel corso di un webinar che si svolgerà lunedì 20 giugno dalle ore 11.00 alle ore 12.00 dal titolo “Carcere, Lavoro, Libertà – Imprese e imprenditori che intendono dare una chance concreta di nuova vita agli ex detenuti”. [qui il link per iscriversi]

Dopo i giovani NEET, attenzione al carcere e alla disabilità

Si tratta di un ulteriore step di un impegno concreto nei confronti delle categorie più fragili, che un anno fa aveva preso forma con il lancio del progetto “Al Lavoro 4.0”, realizzato in collaborazione con Caritas Ambrosiana e Fondazione San Carlo.
“Concretizzare l’inclusività – spiega ancora Andrea Rangone – significa contribuire ad aumentare l’inclusività delle categorie più fragili. Con Al Lavoro 4.0, insieme a Caritas, ci eravamo rivolti ai NEET, a ragazzi che si trovavano in contesti sociali, urbani, scolastici, familiari deboli, offrendo loro opportunità formative e lavorative”.
Un’esperienza positiva, quella di Al Lavoro 4.0, ora rinnovata con nuove progettualità che verranno presto annunciate.
Ma l’orizzonte si allarga e ci sono altre fragilità da considerare.

La ricostruzione di una vita passa dal lavoro

“Vogliamo estendere la nostra azione verso il mondo dei detenuti o delle persone uscite dal carcere, nella convinzione che la ricostruzione di una vita passa dal lavoro. Ci sarà poi una successiva iniziativa, che annunceremo nelle prossime settimane, che guarda invece al mondo della disabilità”, prosegue Rangone.
“Vogliamo nel nostro piccolo lavorare su questo tema, promuovendo l’inclusività e vogliamo provare a coinvolgere in questo percorso anche altri imprenditori come noi”.
Il come farlo sarà uno dei temi che verranno affrontati nel corso del webinar, organizzato in collaborazione con  Pensiero Solido, Sesta Opera San Fedele Onlus e The Good in Town e al quale prenderanno parte, oltre ad Andrea Rangone anche l’onorevole Antonio Palmieri, deputato, Fondatore e Presidente di Pensiero Solido, Pietro Buffa, Provveditore Regionale Lombardia, Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Guido Chiaretti, Presidente Sesta Opera San Fedele, con le testimonianze di Marco Girardello, Presidente di BEE4, Lorenzo Lento, Presidente Universo Cooperativa Sociale, Davide Rota, amministratore Delegato Linkem.