Acquisizioni

DaVinci Salute cede il 66% delle sue quote al Gruppo Unipol



La scale-up 100% made in Italy che si occupa di salute digitale annuncia l’acquisizione da parte di UnipolSai, compagnia assicurativa del Gruppo Unipol, consolidando così la sua presenza nel mercato nazionale dell’health-tech

di Redazione

Pubblicato il 03 Apr 2023


Nata nel 2018 dall’idea innovativa di tre giovani imprenditori – Stefano Casagrande, Andrea Orani e Francesco Mainetti – che hanno deciso di scommettere sulla digital health, DaVinci Salute è una startup 100% italiana specializzata in telemedicina e digitalizzazione della medicina territoriale che avvicina le persone all’assistenza sanitaria fisica e mentale e alle cure primarie, incentivando la prevenzione e la cura di sé. Rinnovando l’impegno nel rendere l’accesso alla sanità più semplice e vicino alle persone, DaVinci Salute consolida il suo piano di sviluppo e annuncia che UnipolSai, compagnia assicurativa del Gruppo Unipol, ha deciso di investire nella sua crescita ed acquisire il 66% dell’azienda.

DaVinci Salute: l’offerta della healthtech scale-up italiana

DaVinci Salute gestisce oltre 150.000 prenotazioni all’anno, con un tasso di crescita del 30% MoM e supporta circa il 10% dei medici di famiglia in Lombardia in uno dei più innovativi programmi di cura delle cronicità in Europa aiutando a ridurre del 8,6% l’accesso al pronto soccorso e del 5,4% l’ospedalizzazione dei 35.000 pazienti arruolati nel programma.

WHITEPAPER
Sbloccare la potenza del cloud business: da FinOps a DevSecOps
Cloud application
Multicloud

A partire dalla duplice mission di DaVinci Salute – semplificare e ottimizzare il lavoro dei medici di famiglia e rendere accessibile la salute ai cittadini – si declina l’offerta della startup: DaVinci Salute per i medici e per i pazienti. Nello specifico, DaVinci Salute per i medici è una piattaforma cloud sicura ed integrata con il Fascicolo Sanitario Elettronico pensata per permettere a medici di famiglia di digitalizzare il loro ambulatorio migliorando e semplificando il contatto diretto e l’interazione con il paziente, in qualsiasi momento e ovunque si trovino.

Registrandosi sulla piattaforma, i medici di famiglia possono gestire i propri pazienti online, dando loro un supporto tempestivo, la possibilità di prenotare gli appuntamenti e rinnovare le ricette via app, oltre a fornire informazioni sugli orari di apertura degli ambulatori e snellire le normali procedure come la richiesta di ricette mediche e impegnative per le prestazioni sanitarie.

Non da ultimo, i medici possono beneficiare di una maggiore capacità di valutazione basandosi su dati ed evidenze rese accessibili dal digitale, oltre ad automatizzare le attività amministrative, ridurre chiamate ed e-mail e, contestualmente, risparmiare tempo e risorse. Se il medico di famiglia è registrato sulla piattaforma, il paziente avrà la possibilità di beneficiare dei servizi offerti scaricando l’app DaVinci Salute disponibile per iOS o Android.

Unipol entra nel capitale di DaVinci Salute

“Ammiro la visione pionieristica di UnipolSai e sono entusiasta di poter realizzare insieme il sogno di rendere la medicina territoriale migliore e più accessibile alle persone secondo principi di prevenzione, centralità del paziente e diagnostica basata su dati ed evidenze” commenta Stefano Casagrande, Co-Founder e Co-CEO di DaVinci Salute.

“I medici di famiglia in Italia gestiscono in media 1.200 pazienti, a volte arrivano fino a 2.000, e il trend è in crescita. DaVinci Salute – osserva Andrea Orani, Co-Founder e Co-CEO di DaVinci Salute – si pone l’obiettivo di aiutare il medico a strutturare la gestione dei suoi pazienti minimizzando il tempo da dedicare ad alcune attività ripetitive ma necessarie tra cui la gestione di appuntamenti e richieste, ricette e prescrizioni, per restituire tempo da dedicare ai pazienti che beneficiano di un migliore accesso. Grazie all’ingresso di UnipolSai nel capitale rafforzeremo ulteriormente il nostro prodotto a beneficio di medici e pazienti ed espanderemo il nostro raggio d’azione in ambiti ad alta sinergia”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!