Pennasilico (Clusit): «Nessuno al sicuro, così ci colpisce il cybercrime» - TechCompany360

POINT OF VIEW

Pennasilico (Clusit): «Nessuno al sicuro, così ci colpisce il cybercrime»



A colloquio con Alessio Pennasilico, security evangelist e membro del comitato tecnico scientifico del Clusit, che avvisa: nessuno si salva dagli attacchi

Gianluigi Torchiani

23 Mar 2016


WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

«Tutti veniamo attaccati, soprattutto tutte le aziende, perché tutte, in qualche modo, gestiscono denaro». È questa la desolante dichiarazione con cui Alessio Pennasilico, security evangelist e membro del comitato tecnico scentifico del Clusit riassume i contenuti emersi dal Rapporto del Clusit 2016 recentemente presentato a Milano. «E la quantificazione dei danni subiti dipende solo da come abbiamo deciso di proteggerci – insiste -. Non esistono scusanti di proteggersi in proporzione alla preziosità dei dati che si hanno, anche perché l’industria del cybercrime lavora ormai sui grandi numeri, e statisticamente ci guadagna parecchio denaro». Al top dei bersagli, le aziende che operano online, ma anche la PA, che al tradizionale cybercrime deve fare i conti anche con gli hacktivist.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Pennasilico (Clusit): «Nessuno al sicuro, così ci colpisce il cybercrime»

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *