Grazie alle compensazioni, si può superare la crisi di liquidità da Covid-19

finanziamenti

Compensazioni, per superare la crisi di liquidità da Coronavurus



Compensiamo offre l’adesione gratuita alla piattaforma fintech di compensazione e i servizi di gestione senza commissioni per un anno

di Redazione

29 Apr 2020


Mario Galvagni Benini, Giuseppe Barbarani e Paolo Mafficini, rispettivamente avvocato, revisore legale e IT manager e programmatore

Grazie alle compensazioni volontarie multilaterali (art. 1252 del Codice Civile) si possono estinguere crediti e debiti fra più soggetti senza circolazione di denaro. Con l’iniziativa solidarietà Compensiamo, l’omonima start up veronese offre fino al 31 maggio l’adesione gratuita alla piattaforma fintech che compensa i debiti con i crediti commerciali tra imprese B2B con la possibilità di usufruire dei servizi di gestione senza commissioni per un anno. La gestione comprende tutte le scadenze aperte alla data di inserimento nel sistema (gestione corrente), ma anche la possibilità di inserire fatture già emesse ma non incassate alla scadenza per poter compensare dei crediti già scaduti con debiti futuri (gestione insoluti).

Una volta caricati sulla piattaforma i file relativi alle fatture elettroniche, l’algoritmo proprietario di Compensiamo cerca tutte le possibili compensazioni tra posizioni creditorie e debitorie delle aziende aderenti comunicando alle stesse le possibili attività di compensazione e lasciando alle medesime la libertà se accettarle o meno.  Con questo sistema è possibile compensare parte dei crediti verso la clientela con debiti verso i fornitori, al fine di gestire al meglio i flussi finanziari ed anticipare qualsiasi operazione di finanziamento del circolante (sconto fatture, utilizzo di fidi e scoperti) ottimizzando le possibilità di impiego degli affidamenti bancari.

“Il meccanismo per creare compensazioni, che abbiamo messo in atto, funziona molto bene se le imprese aderenti coinvolgono i loro clienti e fornitori. Con Compensiamo riusciamo a ridurre il bisogno di liquidità e dare sicurezza ai crediti, problematica che è sempre esistita, ma oggi è vitale per la sopravvivenza delle imprese” afferma il Presidente Giuseppe Barbarani.