Con più dispositivi connessi, aumentano anche i rischi: ICOS e Armis potenziano la cybersecurity   - TechCompany360

Distributori

Con più dispositivi connessi, aumentano anche i rischi: ICOS e Armis potenziano la cybersecurity  



Grazie alla tecnologia innovativa di Armis e alla esperienza di ICOS, clienti e partner hanno ora un punto di riferimento nell’ambito cybersecurity in particolare dell’Asset Inventory e della Threat Detection 

di Redazione

23 Mag 2022


 

Una piattaforma unificata per la visibilità e la sicurezza degli asset IT progettata per affrontare il nuovo panorama di minacce ad alto rischio creato dalla quantità sempre maggiore di dispositivi connessi. È questo l’oggetto dell’accordo di distribuzione per il mercato italiano firmato dal VAD ferrarese ICOS e dal vendor californiano Armis. 

WHITEPAPER
Migrare l'ERP nel cloud pubblico: scopri la strada verso una maggiore sicurezza
Cloud
ERP

L’impegno di ICOS si concretizzerà nello sviluppo della rete di partner Armis cui sarà in grado di offrire supporto commerciale, tecnico e marketing attraverso il suo staff qualificato. Dal canto suo, Armis metterà a disposizione del distributore e dei partner le proprie risorse e i propri programmi dedicati al canale, per il massimo successo della collaborazione.

 

Federico Marini, Managing Director di ICOS

 

Nel commentare l’accordo, Federico Marini, Managing Director di ICOS: “Con l’arrivo di Armis rinforziamo un ambito che si sta rivelando critico per le organizzazioni, specie per quelle che puntano su un’automazione spinta e devono fare i conti con il proliferare di dispositivi connessi come sensori e altri device IoT. Sono felice di poter aiutare i nostri partner di canale a dare una risposta alle esigenze di sicurezza dei clienti, offrendo il prodotto di un fornitore leader come Armis assieme a tutto il nostro supporto e la nostra esperienza nel settore.” 

 

 

La piattaforma di Armis offre visibilità in tempo reale e senza interruzioni di tutti i dispositivi gestiti e non gestiti, sia tradizionali (server, laptop e smartphones) che di nuova concezione, inclusi i device IoT (come smart TV, camere di sicurezza), sistemi OT/ICS (come HVAC, SCADA, PLC), o dispositivi medicali connessi.  

Inoltre, Armis consente di individuare rischi e falle nella sicurezza attraverso una continua valutazione del rischio basata sul contesto e sul comportamento dei dispositivi, senza necessitare di agenti. Ancora, implementa l’applicazione automatica delle policy di sicurezza dialogando con gli altri tool di security già presenti in azienda per bloccare, mettere in quarantena o disconnettere gli asset rischiosi o malevoli. 

 

Rocío Vaquero, Partner Business Manager for Iberia and Italy di Armis

 

Per Rocío Vaquero, Partner Business Manager for Iberia and Italy di Armis, “Questa partnership consente di avvicinarci ad aziende che possono avvantaggiarsi della nostra piattaforma, offrendo loro una completa visibilità e una protezione di sicurezza rinforzata. L’estesa esperienza di ICOS nel settore della sicurezza, assieme alla forte leadership commerciale, fanno dell’azienda il partner ideale per la nostra apertura verso il mercato italiano”. 

 

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Con più dispositivi connessi, aumentano anche i rischi: ICOS e Armis potenziano la cybersecurity  

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.