Gli effetti di COVID-19 sulla Tecnologia di consumo in Italia
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Coronavirus

Gli effetti di COVID-19: -8,4% le vendite di Tecnologia di consumo in Italia



Nella prima settimana segnata dal diffondersi del Coronavirus in Italia, Gfk ha registrato un calo delle vendite dei prodotti Tech pari al -8,4% rispetto alla media delle quattro settimane precedenti

di Redazione

02 Mar 2020


Gfk Infografica COVID-19 mercato Tech

I casi di Coronavirus (COVID-19) rilevati in Italia stanno avendo effetti immediati sul mercato italiano della Tecnologia di consumo. Nella prima settimana (dal 17 al 23 febbraio 2020), si è registrato un calo delle vendite di prodotti Tech pari al -8,4% rispetto alla media delle quattro settimane precedenti. Un impatto importante, se si pensa che la settimana include solo i primi giorni della diffusione del nuovo coronavirus SARS-CoV-2.

Lo ha rilevato GfK, un grande istituto di ricerche di mercato tedesco, che ha attivato un tracking settimanale (Retail Panel Weekly) per misurare gli effetti del Coronavirus sugli stili di vita e sui consumi degli italiani nell’immediato futuro, così come le strategie di consumo e l’approccio ai canali di vendita, con un focus particolare su trasporti e mobilità, viaggi e vacanze, tempo libero e igiene personale.

Ciò significa raccogliere i dati di sell-out dell’Elettronica di consumo su un paniere di 25 prodotti tecnologici, coprendo i principali Retailer e canali di vendita. Nei risultati: i prodotti più a rischio e quelli che potrebbero invece trarre vantaggio dal cambiamento delle abitudini dei consumatori collegato all’emergenza sanitaria, ma anche le diverse performance di ciascun canale (online e offline). 

 

GfK COVID-19 Weekly Tracking

Canali, regioni e prodotti tech italiani impattati dal Coronavirus

Il trend negativo è evidente nei punti vendita tradizionali (-8,9% a valore) ma anche le vendite online (-6,1%) hanno subito un calo. I Technical Superstore (grandi superfici specializzate in Elettronica di Consumo), mostrano un trend del -8,4%, in linea con il calo generale del mercato.

Un trend particolarmente negativo si registra in Lombardia (-10%) e nel Nord Est (-12,4%), nei territori dove sono stati registrati il maggior numero di casi e che per prime hanno introdotto restrizioni per contenere le occasioni di contagio.

I prodotti più impattati dal calo delle vendite sono stati le Asciugatrici (-31,4%), i Condizionatori (-27,4%), le Stampanti Monofunzione (-27%), gli Aspirapolvere (-24,1), le Stampanti Multifunzione (-17,7%) e le Macchine per il caffè espresso (-17,4%). Il prodotto più importante per fatturato sviluppato, gli Smartphone, ha registrato una decrescita del –6,7%, mentre i Televisori hanno segnato un -10,2%.

Due dati sulla Cina

Per la Cina, il primo Paese colpito dal Coronavirus, GfK prevede una decrescita del mercato della Tecnologia di consumo pari al -18% nel primo semestre del 2020. I settori più colpiti dall’epidemia saranno il Grande Elettrodomestico, la Fotografia e le Telecomunicazioni, mentre il settore del Piccolo Elettrodomestico dovrebbe essere meno impattato. Si prevede che il Coronavirus potrebbe incrementare le vendite di dispositivi per la cura della persona, la cucina e la salute.