Da Peppol le opportunità di 2C Solution per i partner
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FOCUS ON

Peppol, le opportunità di 2C Solution per i partner



L’infrastruttura Peppol offre innovative opportunità di business alle aziende, tuttavia per fronteggiare al meglio le sfide della digitalizzazione documentale è utile avvalersi di un partner esperto e certificato

di Redazione

25 Mar 2020


Trasformare gli obblighi di legge in opportunità: da NSO alla fattura elettronica, le aziende possono trarre vantaggi dall’utilizzo dell’innovativo strumento Peppol. Soprattutto se, nell’usufruirne e nel proporlo ai clienti, si avvalgono di partner affidabili. Per le imprese del settore ICT è un’occasione allearsi con provider certificati e di lunga esperienza come 2C Solution, capaci di collaborare proficuamente in un mercato in crescita come quello della digitalizzazione documentale. Vediamo quali sono i vantaggi che tale partnership può portare.

Peppol e il mercato, prospettive di crescita

Investire in ICT e ampliarsi a business improntati sulla trasformazione digitale rappresentano scelte capaci di offrire prospettive importanti alle aziende. Lo dimostrano i trend mondiali, che indicano come sia evidente il crescente interesse a livello internazionale verso Peppol e strumenti come la fatturazione elettronica. Peppol è l’infrastruttura di rete standard individuata dall’Europa come mezzo privilegiato per lo scambio di documenti commerciali digitali.

 

Il recente rapporto Billentis, pubblicato a febbraio 2020, indica chiaramente che il mercato della digitalizzazione dei documenti commerciali è in crescita in tutto il mondo: in particolare, i Paesi dell’Asia e del Pacifico sono particolarmente interessati a servirsi di Peppol come infrastruttura di riferimento da adottare per lo scambio di documenti commerciali. In Europa poi, Peppol si sta diffondendo sempre di più anche in relazione all’introduzione della fattura elettronica europea. Da aprile di quest’anno, tutte le pubbliche amministrazioni degli stati membri UE dovranno essere in grado di ricevere e gestire le fatture elettroniche nel formato standard UBL XML, ricevendole da Peppol. In Italia poi, in particolare, Peppol si sta già affermando in ambito sanitario: da febbraio 2020 è diventato obbligatorio per lo scambio di documenti d’ordine digitali l’uso del NSO – Nodo Smistamento Ordini, che prevede tra i propri canali di comunicazione Peppol.

 

Peppol e ICT, come scegliere il partner adatto

Puntare su questa infrastruttura di rete standard quindi è chiaramente vantaggioso. Tuttavia, nel farlo è opportuno valutare di affiancarsi a un partner che abbia particolari caratteristiche:

  • Una lunga esperienza nel settore ICT, che abbia portato l’azienda a vivere in prima persona l’evoluzione della gestione documentale dall’uso della carta alla dematerializzazione attraverso soluzioni digitali;
  • Compentenze comprovate attraverso certificazioni: per le aziende che vogliono fare business con Peppol, è importante attestarsi come access point presso Agid, che svolge il ruolo di Peppol authority italiana. L’access point è il “portale” d’accesso e d’uscita attraverso cui i documenti che viaggiano via Peppol transitano. Essere accreditati per questo incarico consente di offrire un servizio utile e innovativo ai clienti;
  • Una vision internazionale e pionieristica: in un mondo in evoluzione come quello del digitale, è fondamentale che il partner che si desidera scegliere sia sempre sul pezzo. L’appartenenza a gruppi di esperti, associazioni transnazionali e l’attività di sperimentazione in nuovi campi sono sicuramente caratteristiche che possono ripercuotersi positivamente su tutti gli attori della partnership.

In base alle proprie esigenze, considerando questi fattori appena elencati, si potrà procedere a una scelta oculata per una collaborazione proficua.

 

Cosa offre 2C Solution ai partner

Il service provider 2C Solution ha tutte queste caratteristiche. Sul mercato da quindici anni, 2C Solution fa parte del gruppo Namirial e gode quindi dell’affiancamento di una certification authority accreditata. Ai propri partner quindi, l’azienda offre le proprie competenze in ambito gestione documentale digitalizzata, in particolare relativamente allo scambio di documenti commerciali (fattura elettronica, ordine elettronico), dematerializzazione, conservazione secondo le norme del Codice dell’amministrazione digitale. Ma non solo. Le prospettive di business di 2C Solution puntano ad ampliarsi ulteriormente in futuro, con investimenti in ricerca e sviluppo. I campi di interesse sono la blockchain, i big data, l’intelligenza artificiale, la gestione smart della supply chain. I clienti provengono da settori differenti, come quello bancario o dei fornitori della Sanità. Riguardo nello specifico a Peppol invece, 2C Solution è access point accreditato presso Agid e offre alle aziende clienti soluzioni dedicate all’integrazione con questa infrastruttura, come piattaforme documentali idonee alla realizzazione dei documenti d’ordine digitali.

Il valore aggiunto di 2C Solution è la cura della gestione documentale completa, abbracciando ogni aspetto. I partner ricercati quindi sono aziende del settore ICT capaci di offrire prospettive nuove, punti di vista lungimiranti e soluzioni accattivanti per i clienti. Dal canto suo, 2C Solution è in grado di proiettare il partner in una dimensione internazionale. Infatti, 2C Solution è membro di EESPA, l’associazione internazionale di service provider che si occupano di fattura elettronica. Una qualità che permetterà ai partner di essere sempre aggiornati sull’evoluzione normativa in materia di digitalizzazione, ma anche sui trend mondiali e sugli indirizzi futuri cui prestare attenzione.

 

Il caso: la partnership tra 2C Solution e Inposia 

Attualmente, 2C Solution ha 300 partnership attive con software house, per circa 250.000 clienti. Per avere un’idea di cosa significhi essere partner di 2C Solution, un ottimo esempio viene dal caso dell’azienda tedesca Inposia. Entrambi i service provider sono membri di EESPA, sono entrati in contatto proprio nell’ambito dell’associazione. Da dicembre 2019 hanno avviato una join venture per cui Inposia supporta 2C Solution sulla fatturazione elettronica in Paesi dove l’azienda italiana non ha ancora una presenza: Spagna, Croazia e Portogallo. Invece, Inposia si affida a 2C Solution per offrire ai propri clienti i servizi di firma digitale e conservazione a norma. Si moltiplicano quindi per entrambe le realtà le opportunità di business, mentre per i clienti significa poter usufruire di una gamma maggiore di prestazioni facendo riferimento sempre agli stessi provider.